Icardi si rifugia in famiglia, è distrutto per la situazione – GdS

La “Gazzetta dello Sport” riporta che Mauro Icardi nella giornata di ieri è tornato a casa letteralmente distrutto. La delusione per la perdita della fascia è stata grande.

RITORNO A CASA – Un allenamento come tanti altri sotto il sole di Appiano, l’incontro con la dirigenza al completo e il tecnico Spalletti prima di pranzo per ricevere la notizia più inaspettata, il rifiuto di salire sull’aereo per Vienna, la fuga verso la famiglia, nella casa a due passi da San Siro, per stare con Wanda e i bambini e provare a metabolizzare, ad allontanare i fantasmi che hanno preso possesso dei suoi pensieri. Mauro Icardi ha passato le prime ore da ex capitano dell’Inter con gli affetti più cari attorno.

GROSSA DELUSIONE – Una cosa normalissima, per un ragazzo di quasi 26 anni a cui è crollato il mondo sotto i piedi. Il suo umore è ai minimi storici. Mauro, che l’Inter aveva promosso capitano nell’agosto del 2015, non se l’aspettava proprio: aveva sempre parlato di «orgoglio nel ricevere la fascia da Javier Zanetti», e adesso senza quei gradi che si era meritato sul campo è letteralmente distrutto. Così racconta chi è stato vicino a lui e Wanda in un pomeriggio e una serata molto concitati, dopo che il numero 9 nerazzurro aveva lasciato Appiano da solo, al volante della sua macchina, molto arrabbiato e deluso.

ISOLATO – Doveva prendere posto sul pullman griffato Inter direzione Malpensa, pronto a tuffarsi nuovamente in Europa, e invece poco dopo il pranzo è andato via sbattendo la porta. Una decisione clamorosa quella dell’Inter, una scelta altrettanto forte quella di Icardi. Che si è sentito tradito e non poteva nemmeno immaginare uno scenario del genere: si è ritrovato tutto solo in quello spogliatoio che – teoricamente – da capitano e leader avrebbe dovuto guidare, si è sentito umiliato, e ha preferito non seguire la squadra che non gli è stata accanto.

Contenuto generato e fornito da Inter-News – Ultime notizie e calciomercato Inter
Inter-news.it © 2018 – Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *